Una nuova missione per la scienza e la tecnologia: salvare l’umanità

Una volta la scienza era indispensabile soprattutto alla crescita economica, oggi è determinante per salvare il pianeta.
Si può partire da questa considerazione per ripensare il rapporto tra Politica e Scienza. Per ripensare, anzitutto, i modi attraverso cui la politica può aiutare la scienza a trasformare il progresso delle conoscenze in soluzioni tecniche e tecnologiche capaci di aiutare l’umanità. La politica può fare molto per la scienza, può selezionare priorità, sostenerla con gli investimenti necessari; al tempo stesso, in un rapporto di autentica reciprocità, la scienza può fornire alla politica nuovi strumenti conoscitivi e metodologici, basi informative utili a prendere decisioni insieme tempestive ed efficaci.

 

Per discutere di questo tema cruciale, Antonio Gnoli e Massimo Donà dialogheranno con un’interlocutrice d’eccezione, che ha ricoperto ruoli di massima responsabilità tanto nel mondo della ricerca scientifica quanto in quello della politica: Maria Chiara Carrozza, docente di Bioingegneria Industriale e responsabile dell’Area “Neuro-Robotics” dell’Istituto di Biorobotica presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

 

Già Ministro dell’istruzione e della ricerca tra il 2013 e il 2014, Maria Chiara Carrozza è stata rettore per due mandati della stessa Scuola Superiore Sant’Anna, divenendo il rettore più giovane d’Italia. Membro di numerose società scientifiche internazionali, ha fra l’altro presieduto il panel di FET Flagships Program per la Commissione Europea, nel biennio 2016-17.

Una nuova missione per la scienza e la tecnologia: salvare l'umanità

venerdì 27 Novembre, Ore 17:00

Con: