La vecchia Europa all'alba di un nuovo mondo  

 

Quale sarà il ruolo dell’Europa nel mondo che verrà? Gli equilibri economici, politici e demografici globali mutano rapidamente: è corretta la narrazione che vuole l’Europa avviata verso un rapido declino o c’è ancora spazio per un ragionato ottimismo?
Nel novero degli "ottimisti" ritroviamo un vecchio amico del Festival della Politica: il politologo e saggista Angelo Panebianco. Conscio dei molti segnali di malessere che attraversano il vecchio continente, in un suo recente saggio ci invita tuttavia a soppesare le molte risorse ed energie di cui L'Europa ancora dispone, e che potrebbero conservarci un ruolo nel futuro equilibrio globale. Un mondo nuovo si va profilando: le risposte ai problemi che ci impone il ventunesimo secolo potrebbero essere trovate, sostiene Panebianco, proprio attraverso un atto di fiducia nella tradizione europea e nei suoi valori identitari.
Sabato 7 settembre raccoglieremo questa sfida: provare a disegnare il futuro assetto del pianeta, per testare le profezie sul declino europeo. Metteremo a confronto lo stesso Panebianco, il sociologo dell’Islam ed esperto di globalizzazione Renzo Guolo, e Fabrizio Marrella, esperto di Diritto internazionale, docente a Cà Foscari - Venezia, Parigi I Panthéon Sorbonne e Harvard. Per verificare fino a che punto il vecchio continente può ancora guardare con fiducia “all’alba di un nuovo mondo”.

-

Sabato 7 settembre, ore 18.00, Piazzetta Pellicani
ALL’ALBA DI UN NUOVO MONDO 
Angelo PANEBIANCO, Renzo GUOLO, con Fabrizio MARRELLA​