Dialogo sul futuro dell’Europa 

 

Durante la campagna elettorale, le classi politiche degli stati europei sono sembrate assorbite soprattutto da preoccupazioni interne: in Francia la nuova "sfida a due" tra Le Pen e Macron; la CDU tedesca che cercava di puntellare il proprio primato interno; in Gran Bretagna gli smottamenti del sistema politico derivanti dalla tormentata vicenda Brexit.  
E gli elettori? Su scala europea le loro principali preoccupazioni sono state, secondo le ultime rilevazioni, l'ascesa dei nazionalismi di destra, i problemi della crescita economica, la paura del radicalismo islamico, la questione ambientale. E proprio l'opzione sovranista sembra aver determinato l'alta affluenza, da entrambi i fronti: i cittadini europei non danno più per scontata l’Unione, guardano con attenzione a quanto accade oltre i loro confini. L'appuntamento elettorale per il nuovo Parlamento ha assunto, in molti paesi, un sapore pienamente transnazionale, che finora non aveva mai avuto.
Le urne hanno consegnato una composizione nuova al Parlamento europeo: è fallita la spallata sovranista ed euroscettica, ma l’alleanza Popolari / Socialisti che ha guidato l'Unione nelle ultime due legislature non ha più la maggioranza, e dovrà aprirsi al dialogo con nuove forze. 
I nuovi equilibri nell'Europarlamento e la sorte del progetto europeo saranno i temi dell'incontro in programma per sabato 1 giugno, alle ore 12:00: la politologa Sofia Ventura si confronterà con Lorenzo Pregliasco e Francesco Maselli, dando vita ad un "Dialogo sul futuro dell’Europa".

 

-

Sabato 1 giugno, ore 12:00
Chiostro M9

Dialogo sul futuro dell’Europa

Sofia VENTURA, Lorenzo PREGLIASCO, Francesco MASELLI